Ricerca avanzata
Utenti registrati
Nome utente:

Password:

Log in automatico alla prossima visita

» Password dimenticata
» Registrazione
Immagine casuale

Oca facciabianca (Branta leucopsis)
Oca facciabianca (Branta leucopsis)
Commenti: 4
p_bert

07.12.2021, 09:57




Immagine precedente:
Verzellino maschio  
 Immagine succesiva:
Corriere piccolo

L'arte di affondare
L'arte di affondare

            

L'arte di affondare
Descrizione: Nelle sabbie mobili, un po affondato con le zampe, si destreggia alla grande anche un piro piro piccolo

Specie: Piro piro piccolo (Actitis hypoleucos)
Cannocchiale: Zeiss 85 fl
Oculare: Zeiss zoom 20-60
Fotocamera: Canon s 95
Adapter: Pere Cortinas
Tempi : 1/1000
Diaframma : f 4
ISO: 100
Distanza: 8 metri
Esposizione: manuale
Cavalletto e testa: Manfrotto 055/501 Hdv
Mimetismo: capanno
Programma di elaborazione immagine e filtri: photoshop cs 5, livelli
Luogo: Ostia
Data e ora: 03/08/2013 ore 15.00
Meteo: sole
Parole Chiave: Piro, piro, piccolo, (Actitis, hypoleucos)
Data: 04.08.2013 23:32
Click ricevuti: 1834
Downloads: 0
Valutazione: 0.00 (0 Voto(i))
Dimensione file: 192.4 KB
Inserita da: carlo ravenna

IPTC Info
Intestazione:
Data creazione: 03.08.2013

EXIF Info
Make: Canon
Model: Canon PowerShot S95
Exposure time: 1/1000
Aperture value: F/4
ISO speed: 100
Date created: 03.08.2013 15:00:33
Focal length: 12.845mm

Autore: Commento:
dante dalla
Membro

Utente iscitto dal: 15.11.2010
Commenti: 932
Difficile

soggetto, con il quale sto "lottando" spesso in questi giorni, banco di prova per la nostra attrezzatura davvero notevole, vista la continua mobilità... Questi uccelletti sono comunque davvero simpatici da osservare, specialmente quando mettono in mostra le loro brevi e aggraziate baruffe.....durante le quali mi viene, nonostante i miracoli della piccola Canon in termini di autofocus, un pochino di "nostalgia" da reflex e tele....
Foto tecnicamente perfetta, con soggetto a fuoco dalla punta del becco alla coda... Come dicevo, grandi performance, per essere una compatta...
Ciao grande Carlo!
05.08.2013 08:24 Offline dante dalla ombra.1967 at alice.it
carlo ravenna
Membro

Utente iscitto dal: 13.02.2011
Commenti: 544
Nostalgia

Comprendo bene quel pochino di "nostalgia" da reflex e tele alla quale - Dante - alludi e stimola in me la voglia di fare alcune semplici considerazioni, condivisibili o meno, che hanno comunque come base una grande passione per la fotografia in digiscoping.
Oggi per certi versi le cose sono cambiate, nel senso che per raggiungere ingrandimenti di una certa importanza e qualità non è piu "obbligatorio" in tradizionale, il supertele milionario. In casa Nikon, ad esempio, che io conosco meglio, succede che i tc af sono dei veri gioielli (non solo l'1.4 e l1.7 ma addirittura anche l'ultimo 2x serie III) lavorano alla grande rispetto ai vecchi moltiplicatori. Mettici il rapporto 1.5 del formato dx, magari usando l'ultima non costosissima nikon d 7100 (24 mp) velocissima e con la possibilità di ricorrere al geniale crop in macchina a 1.3. Il tutto aggrappato, ad esempio, ad un glorioso 300 mm f4 afs, con la sua nitidezza e gli splendidi pittorici sfuocati. Facciamo due conti della serva e scopriamo che non siamo molto lontani come focale da quello che ci offre una confugurazione cannocchioale spinta al minimo 20 x. Conti alla mano, non so neanche se la spesa sia superiore (anzi...) alle varie configuraz top kowa zeiiss con cavalletti teste fluide adapter ecc...E se volessimo regalarci l'ultimo 80 400 eccellente nikon (purtroppo costoso oltremisura, che peccato!!!), leggero, addiruttura moltiplicabile e con stabilizzatore? Si , l'AF rallenta un po se proprio vogliamo anche moltiplicarlo, ma insomma...che qualità e che velocità, e tutto a mano libera!! Il digiscoping lo conosciamo, ma sappiamo bene che sa diventare meravigliosamente irraggiungibile come focale premendo l'accelleratore, ma credo che sia importantissimo, proprio per quanto detto, che la configuazione vada studiata con grande attenzione per avere bei risultati che non ci facciano rimpiangere le performances del tradizionale...e allora si che le due tecniche possono quantomeno convivere.
05.08.2013 22:46 Offline carlo ravenna carlo.ravenna at libero.it
andreasbossi
Amministratore

Utente iscitto dal: 19.06.2008
Commenti: 1792
Ottima

Oltre alla foto anche il successivo intervento sono perfetti e corretti.
Proprio la 7100 è in test in questi giorni e devo ammettere che ha un grande risultato anche se, purtroppo, non ha la MaF a rilevazione di contrasto. In digiscoping con il 50mm f1.4 ci da davvero tante possibilità.
Io rimango comunque sempre più affascinato da tutta la gamma di sfumature colore dei sensori 1/3 o APSC anche se la profondità di campo diminuisce drasticamente.
09.08.2013 00:20 Offline andreasbossi abossi at digiscopingitalia.it http://www.digiscopingitalia.it



Immagine precedente:
Verzellino maschio  
 Immagine succesiva:
Corriere piccolo

 

Centro ottico San Marco

Copyright © 2008 Digiscopingitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.
Le immagini sono di proprietà dei loro autori e non possono essere utilizzate senza il loro espresso consenso.

RSS Feed: L'arte di affondare (Commenti)