Ricerca avanzata
Utenti registrati
Nome utente:

Password:

Log in automatico alla prossima visita

» Password dimenticata
» Registrazione
Immagine casuale

Codibugnolo
Codibugnolo
Commenti: 3
stefano.sec

20.09.2019, 04:24




Immagine precedente:
Penombra  
 Immagine succesiva:
Anch'io...

Un'occhiata lassù...
Un'occhiata lassù...

            

Un'occhiata lassù...
Descrizione: e via! Ha posato anche lui per me...ma solo per un attimo

Specie: Martin pescatore (Alcedo atthis)
Cannocchiale: Zeiss 85 fl
Oculare: Zeiss zoom 20-60
Fotocamera: Canon s 95
Adapter: Pere Cortinas
Tempi : 1/320
Diaframma : f 4
ISO: 100
Distanza: 10 metri
Esposizione: manuale
Cavalletto e testa: Manfrotto 055/501 Hdv
Mimetismo: capanno
Programma di elaborazione immagine e filtri: photoshop cs 5, livelli
Luogo: Ostia
Data e ora: 17/11/2013 ore 15.45
Meteo: sole con velature
Parole Chiave: Martin, pescatore, (Alcedo, atthis)
Data: 17.11.2013 21:13
Click ricevuti: 1245
Downloads: 1
Valutazione: 0.00 (0 Voto(i))
Dimensione file: 165.9 KB
Inserita da: carlo ravenna

IPTC Info
Intestazione:
Data creazione: 16.11.2013

EXIF Info
Make: Canon
Model: Canon PowerShot S95
Exposure time: 1/320
Aperture value: F/4
ISO speed: 100
Date created: 16.11.2013 15:45:20
Focal length: 9.636mm

Autore: Commento:
claudio0662
Membro

Utente iscitto dal: 25.08.2008
Commenti: 2405
Luce

E' delicatissima la luce che hai raccolto in questo scatto, e davvero simpatica la postura del Martino.
La cosa che mi sorprende moltissimo, è il piano della MaF, che cade molto davanti al soggetto, infatti il ramo è perfetto, ma allo stesso tempo, il Martino è perfettamente leggibile in tutti i suoi dettagli, nonostante come si può notare, sotto la coda, la MaF sia ormai perduta.
La Canon S95 continua ad essere una fotocamera molto interessante.
18.11.2013 15:08 Offline claudio0662
dante dalla
Membro

Utente iscitto dal: 15.11.2010
Commenti: 932
Posa

deliziosa e dettaglio super e pdc davvero notevole, come ha già notato Claudio. Solo la luce del tardo pomeriggio con il nostro attrezzo, scalda particolarmente i colori: ho la sensazione che non sia solo l'iridescenza del piumaggio a dare l'impressione del groppone che tira al verde, del ventre più marrone che arancio e del sottogola giallo e non bianco. Non vorrei avere il monitor che non mi restituisce i colori nel modo giusto ma è un'impressione che ho solo su questa foto.
Ho notato spesso anche sui miei scatti che la combinazione Zeiss/Canon tende a dare una temperatura colore molto calda, effetto che naturalmente si amplifica con il sole basso della mattina o del pomeriggio.
Partendo dal fatto che uno scatto come questo vorrei averlo fatto io, visto che se si scatta in raw, correggere eventualmente la temperatura colore è molto semplice, sarei curioso di sapere se è una cosa che risulta anche a te oppure se era l'angolazione del soggetto rispetto alla luce che ha prodotto questi colori, comunque rispondenti alla realtà del momento.
Ribadisco, comunque grandissimo scatto!
21.11.2013 17:31 Offline dante dalla ombra.1967 at alice.it
carlo ravenna
Membro

Utente iscitto dal: 13.02.2011
Commenti: 544
X Dante

Ciao Dante, intanto grazie per le attenzioni alle foto, fa sempre piacere. Per quanto riguarda la dominante calda dello Zeiss alla quale ti riferisci, e che viene citata da alcuni come una sua caratteristica, io francamente la noto in alcune circostanze ma non in altre. Il che mi sembra un po strano, quando poi si devono tirare le somme. Ad esempio la foto successiva stando a quello che dice Claudio è un pò fredda, eppoi non mi sembrano certamente calde quelle atmosfere magari a mezza mattina quando l'acqua dello stagno si colora di blu, fotografando i piumaggi abbacinanti degli aironi biachi e garzette su cui una dominante calda insita nello strumento si percepirebbe immediatamente. Ma forse Andreas,che ha la competenza infinita e tante prove alle spalle su molteplici cannocchiali, potrebbe entrare nello specifico e dirci su un ipotetico 100% quanto gioca in linea di massima la situazione circostante di luce e quanto le caratteristiche strumentali di uno zeiss 85 fl rispetto ad altri. Io credo che parliamo di strumenti estremamente sensibili alle situazioni contingenti, nel caso specifico sul martino va a rimbalzare tutta la luce sprigionata dal riflesso dello stagno di Ostia al tramonto, che diventa arancione, un arancione che tra un paio di mesi sara molto piu intenso e gia so che avro in certe ore della giornata foto molto pastellate e ricche di toni caldi, di oggi. Io credo che questa foto sia fedele o abbastanza fedele irispetto al ricordo che ho di quel momento in quel paesaggio, come anche la successiva foto sulla quale anch'io non riscontro una dominante ciano. A dire la verità ho provato anche a scaldarla appena appena, la successiva, dopo aver letto il parere di Claudio, ma mi è parso immediatamente che il colore diventasse poco naturale, in quel caso si un po caldo.
Un salutone.
Poi ti chiederò se hai fatto prove comparate jpeg e raw, e se si quasli risultati hai ottenuto.
21.11.2013 22:36 Offline carlo ravenna carlo.ravenna at libero.it
savinimages
Membro

Utente iscitto dal: 13.11.2009
Commenti: 1562
capolavoro

sono gg che continuo a pensare al fataccio e neanche mi riesco a guardare attorno...,la natura continua a mostrare il suoi capolavori e io "cazzeggio" in foto così x fare,senza voglia di riconoscere i bei lavori altrui...
01.12.2013 22:34 Offline savinimages savinimages at libero.it
robi
Membro

Utente iscitto dal: 12.06.2008
Commenti: 679
martino

Grandissimi complimenti Carlo,un'immagine delicata con una luce speciale.Particolare anche la posa del martino e spettacolare lo sfondo con quelle "macchiette" verdi che sembrano dipinte.Salutoni alle prossime roberto
11.12.2013 21:37 Offline robi



Immagine precedente:
Penombra  
 Immagine succesiva:
Anch'io...

 

Centro ottico San Marco

Copyright © 2008 Digiscopingitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.
Le immagini sono di proprietà dei loro autori e non possono essere utilizzate senza il loro espresso consenso.

RSS Feed: Un'occhiata lassù... (Commenti)