Test - Nikon RAIII 65WP + Nikon Coolpix P5100.


Grazie alla cortese disponibilità del titolare del negozio Centrofoto 2 di Firenze abbiamo avuto a disposizione per le prove il Kit che la Nikon propone a tutti quelli che vogliono avventurarsi nel digiscoping..

Il marchio Nikon è, fino dagli inizi del digiscoping, uno dei preferiti per i cannocchiali e soprattutto per le macchine digitali, iniziando dalla mitica serie Coolpix 990-4500, ancora oggi ricercate, fino alla indiscussa 8400. La Nikon produce una serie di cannocchiali sia con lenti normali che con lenti ED nel diametro da 50 a 82mm. Sono cannocchiali che presentano una veste molto personale e una robustezza degna di nota. Per questi ultimi e per le sue macchine fotografiche la Nikon ha anche commercializzato tutto un sistema con adattatori e oculari pensati apposta per il digiscoping. E' mia impressione che la casa giapponese si sia fatta aiutare o si sia ispirata agli adattatori prodotti dalla Digisco che sono tra le soluzioni più interessanti e rifinite che il mondo del digiscoping può annoverare. Infatti il sistema commercializzato con il marchio Nikon è pensato, sia nella costruzione degli oculari come degli adapter, per una messa in uso semplice, veloce, funzionale e solida.
 Il nostro kit comprende un cannocchiale
Spotting Scope RAIII 65 A WP, un oculare 20x DS, l'adattatore FSB-6, una Coolpix P5100, un cavalletto con testa e piastra a rapido innesto, uno zaino marsupio per trasportare il tutto e un DVD con una semplice introduzione al digiscoping.  

L'adapter FSB-6 La Nikon Coolpix P5100


  il cannocchiale non ha lenti ED ma componenti ottici in vetro Eco-glass: privo di piombo e arsenico ed è molto luminoso. Si presenta rivestito in gomma color grigio scuro costruito per essere anti-appannamento, con guarnizioni O-ring e azoto.  Dotato di un attacco oculare a baionetta proprietario con sistema di blocco.  Il paraluce estraibile incorpora il tappo di protezione lenti che risulta molto pratico nell'uso e non corre il rischio di essere perso, ma soprattutto aiuta nell'uso in modo tale da proteggere sempre le lenti in ogni spostamento.
 Sul lato sinistro del cannocchiale c'é una slitta, coperta da una protezione in plastica, nella quale va inserito un semplice sistema di puntamento che si è rivelato abbastanza funzionale. Costruito in plastica sporge dal corpo cannocchiale e presenta al suo interno un semplice schema ottico e un riferimento per la mira. Dopo un breve periodo di adattamento e, scoperto quale è in effetti il vero riferimento di mira, abbiamo sempre lavorato con buoni risultati. Nella confezione c'é anche una custodia in cordura per il trasporto e la conservazione del cannocchiale molto ben rifinita e pratica nell'uso. Il cannocchiale è molto leggero (920G + oculare) e compatto (304 x 105).
 la piastra di collegamento al cavalletto è parte del corpo cannocchiale e non è girevole. L'attacco a baionetta dell'oculare è leggermente disassato verso destra dall'asse ottico. La messa a fuoco precisa e con un escursione non molto lunga dopo poco uso acquista una buona fluidità. In breve la costruzione è secondo gli standard qualitativi del marchio Nikon. Con il kit viene fornito l'oculare Nikon 20X DS che fa parte della serie progettata per l'uso con il digiscoping. Tolta la conchiglia di gomma si nota la sua forma adatta all'uso degli adapter marchiati Nikon. Si è rivelato da subito un ottimo oculare con caratteristiche di estrazione pupillare copertura e nitidezza di immagine fino ai bordi molto buone. La baionetta in metallo ha un innesto sicuro e preciso. Per lo sblocco c'é un pulsante subito alla destra che non permette sblocchi accidentali e avvitamenti involontari.  Con la Coolpix P5100 è necessario lo zoom a 3X della macchina per non vignettare.
particolari

Sopra - L'oculare 20X DS
Sotto - L'adapter montato
Sopra - la P5100 due viste
Sotto - Il mirino


     L'adapter FSB-6 è costruito in alluminio su progetto esclusivo per gli oculari e macchine Nikon. Il modello per la P5100 è compatibile anche per la P5000  e con gli oculari 16x/24x/30x . La confezione comprende un anello che con il 20X e la P5100 va inserito nella parte anteriore e troviamo anche un flessibile discretamente lungo (50Cm.)  La costruzione assai ben progettata consente un inserimento, nell'oculare, veloce e preciso. Possiamo quindi osservare dall'oculare e poi prepararci per scattare senza perdere tanto tempo. In genere questa operazione è sconsigliata per la velocità che alcuni soggetti hanno nel muoversi.
 

    Sulla Coolpix P5100 è già stato detto molto come macchina e come macchina per il digiscoping  ci riserviamo quindi di fare una prova dedicata solo a lei  usando il  RAIII 65 A WP e altri cannocchiali.  Nell'uso la batteria si è rivelata con una buona autonomia (circa 3h.). Il compatto e solido corpo è molto maneggevole. Solo l'interruttore risulta poco raggiungibile per chi ha dita grosse  a causa dell'adattatore che lo copre parzialmente. La macchina ha un menu completo e abbastanza intuitivo.  Non eccelle in velocità di scatto e zoom. Le foto sono con colori leggermente caldi ma gradevolissimi. Per il nostro uso e soprattutto con un cannocchiale con oculare a 45° l'LCD ha bisogno di essere protetto dalla luce altrimenti illeggibile. Purtroppo, o per fortuna visti i tempi di registrazione, non ha la possibilità del formato RAW. Ha uno stabilizzatore di immagine molto efficiente anche per l'uso con il cannocchiale. Fino a 200ISO  il rumore non è avvertibile ma dai 400 in su è decisamente evidente. Con la sua ottica, senza il cannocchiale, ha un ottima correzione cromatica e nessuna distorsione ai bordi.
Diamo per ora le caratteristiche a noi più utili:

Pixel effettivi 12.1 mil.
Sensore 1/1.72 "
ISO 64 - 3200
Zoom 3,5X Corrispondente a un 35x123mm.F2.7 - F5.3
Massima risoluzione 4000 x 3000
LCD 2.5 " 230,000Px.
Stabilizzatore Si
Esposizione manuale Si
Scatti continui Si
Memoria interna 52Mb.
Memorie SD/SDHC
Batteria Nikon EN-EL5
peso 250g.
Dimensioni 98 x 65 x 41 mm.

    Le prove sono state eseguite in esterno durante una giornata primaverile con il materiale posto ad una distanza di 23,5 m. in zona parzialmente ombreggiata. Il cannocchiale aveva il suo oculare 20x , la Nikon Coolpix P5100 tarata con una sensibilità di 100 ISO, lo zoom 3x, la messa a fuoco sull'infinito e quindi controllata dal cannocchiale. La scelta di questa ambientazione rappresenta un set di lavoro ideale per il digiscoper sia per la distanza che per la luce. Qualcuno potrebbe contestare l'instabilità della luce e i fattori esterni (turbolenze, ...) ma a noi interessa soprattutto la prova sul campo e non certo in studio. Per maggiori dettagli vedi la tabella accanto.

   Il cannocchiale è molto facile da montare in maniera bilanciata e, per la sua leggerezza, altrettanto facile da puntare. L'immagine è chiara e luminosa e, grazie alla corta focale del cannocchiale, ha una buona profondità di campo. La messa a fuoco è discretamente breve, veloce e fluida con un movimento della manopola preciso fino a fine corsa.  Dopo un breve periodo di prova siamo riusciti ad avere foto abbastanza precise anche se abbiamo dovuto usare una lente davanti al LCD per notare la migliore messa a fuoco.  L'LCD della CP P5100 ha  una buona definizione e dettaglio il che aiuta molto nella scelta dell'inquadratura e nella messa a fuoco. Bisogna comunque arrivare ad avere una buona abitudine all'uso del kit per essere sempre sicuri della perfetta messa a fuoco. Abbiamo notato che con la posizione MACRO (il fiorellino) della macchina non sempre la messa a fuoco è precisa anche con la stessa immagine. Consigliamo quindi di usare sempre il settaggio INFINITO (la montagna) nella P5100.
L'oculare  si è comportato molto bene con il digiscoping. La presenza di poco fringing sia per il viola che per il giallo ci ha molto sorpreso. Ricordo che il cannocchiale è costruito con lenti di qualità ma non ED e quindi ci saremmo aspettati molte più aberrazioni cromatiche.   Con la P5100 l'oculare vignetta se non si usa lo zoom della macchina a 3X.  Non si sono notate deformazioni rilevanti ai bordi dell'immagine.  Ottima la profondità di campo. La foto scattata sulla lunga distanza è nitida e con buoni colori.
   Le immagini prodotte dal Kit sono con una dominante calda e una discreta definizione e fanno di questo Kit un oggetto di grande interesse per chi vuole iniziare a fotografare con la tecnica del digiscoping e non vuole investire molti soldi (ricordo che viene commercializzato a poco meno di 900€).   La Nikon ha commercializzato un insieme che sicuramente avvierà molti a questa tecnica che, in Italia, ha bisogno di essere "scoperta" dagli appassionati di foto naturalistica. Non è un Kit definitivo ma dà, da subito, risultati che, a parità di spesa, si possono raggiungere solo dopo diversi tentativi di abbinamenti.

Le immagini a corredo del servizio danno un idea di quanto abbiamo riscontrato.

 

Alcune immagini del test
(Cliccare per ingrandire)

Foto realizzata ad una distanza
di circa 15m. e trattata con
Photoshop. Taglio originale.
.
Come abbiamo realizzato le immagini

La messa a fuoco si è dimostrata subito affidabile e fluida con un movimento della manopola non troppo lungo e molto preciso. Abbiamo riscontrato però un problema tecnico a fondo scala con un sobbalzo dell'immagine dovuto probabilmente a motivi meccanici. Difetto analogo lo abbiamo riscontrato anche su altri cannocchiali e tutti con la stessa posizione della manopola di messa a fuoco (in alto sui prismi e non sul barilotto). Anche se la cosa non si può dire grave certo non potevamo aspettarcela da un cannocchiale prodotto da questo costruttore.
L'oculare ottimo per il birdwatching si è comportato altrettanto bene con il digiscoping presentando solo nelle alte luci con grande contrasto un leggero fringing blu. Non si sono notate deformazioni ai bordi dell'immagine e la copertura è ottima senza vignettatura (questo con la 4500 a 3x). Abbiamo comunque riscontrato un valore non molto alto della profondità di campo (sempre paragonato ad altri zoom). Nel confronto con la prova con un oculare di focale fissa (il celebre WO DCL-28) abbiamo potuto notare molto chiaramente la differenza, grande pulizia e pochissimo fringing, ... ma questo era scontato.

Le immagini a corredo del servizio confermano la qualità costruttiva e ottica del Ibis 80 con immagini abbastanza contrastate, colori ben identificati e nitidi

 

Alcune immagini sul campo
(Cliccare per ingrandire)

In questa immagine, nell'ingrandimento, si può notare
quanto è contenuto il fringing

 

 



Caratteristiche

Cannocchiale Nikon RAIII 65WP
Oculare 20x
Fattore di zoom 20x
Cavalletto  si
Testa Fluida
Macchina Fotografica Nikon CP P5100 3x
Distanza m. 23,5
Messa a fuoco infinito
Sensibilità ISO 100
tempi esp. 1/125
area esp. Spot
Priorità Tempi
Saturazione Normale
Nitidezza Normale
Bilanciamento del bianco Auto
Giorno 02/09/2007
ora 15.40
Meteo Sereno con poca brezza
Link

Da visitare

Sito della  Nikon
Sito dellImportatore Nital

Altro

 

 

 

La vostra donazione a sostegno