Test - Minox MD 50 W  Una provocazione.


Grazie al negozio fiorentino Centro Foto 2 abbiamo avuto a disposizione per le nostre impressioni il cannocchiale della Minox MD 50 W.
Il nostro cannocchiale affiancato dallo Scopos (oggetto della prossima prova) e lo Zeiss 85T* FL con il DC4.
Le dimensioni sono davvero sorprendenti.

Quello che vogliamo fare non è un vero e proprio test comparativo con cannocchiali di alto livello perché sarebbe del tutto ingiustificato. La nostra vuole essere una piccola provocazione e nel corso della stessa siamo più volte rimasti sorpresi e affascinati da questo piccolo strumento dalle caratteristiche tutt'altro che piccole.
L'oggetto si caratterizza in assoluto per le dimensioni e per la praticità.
Già la confezione stupisce per la compattezza ma l'oggetto, una volta in mano, è davvero sorprendente.
La Minox ci ha da sempre abituato a strumenti ottici di estrema compattezza e qualità ottica fin dai tempi della fotografia a pellicola. Chi non ricorda la Minox TLX e poi la B e BL una microcamera nel formato 8x11 (1/4 del 35mm.) resa anche famosa da molti film, anche di James Bond, dove le spie la usavano per riprodurre fotograficamente messaggi e luoghi segreti. Poco più grande di una stilografica stava nei taschini delle giacche o veniva inglobata nei manici di ombrelli o bastoni da passeggio.
La Minox produce già da molti anni anche cannocchiali e binocoli sia nella versione con lenti normali che ED. Sempre nella ricerca di compattezza e praticità si sono distinti anche per la loro qualità ottica e per soluzioni di avanguardia. Nelle nostre News avevamo già citato due volte la Minox per il cannocchiale MD62 DE e l'oculare Digital Camera Module DCM che integra una macchina fotografica.
Eravamo convinti che la prova sarebbe stata difficile sia per le dimensioni dell'oculare che per la focale ma volevamo guardarci dentro anche perché già da un paio di anni e nato un interesse assai diffuso verso queste ottiche tanto che Nikon e Vixen hanno presentato anche loro dei modelli 50mm. il Nikon ED50 e il Vixen Geoma II ED52-A commercializzato in Europa anche con il marchio Opticron Mighty Midget (Tutti i rivali hanno la possibilità di cambiare gli oculari e la possibilità di lenti ED ma sono di poco più voluminosi e pesanti). Il nostro cannocchiale è lungo circa 235mm. e pesa solo 615g. Questo oggetto è stato concepito per tutti coloro che necessitano di un oggetto robusto e molto compatto per il viaggio e le escursioni senza rinunciare alla qualità ottica.

Il Minox MD 50 W

Il Minox MD 50 W Vista da sopra e da sotto

Foto realizzata ad una distanza
di circa 15m. e trattata con
Photoshop. Taglio originale.
.
Come abbiamo realizzato le immagini

Il Minox MD 50 W vista laterale

Il Minox MD 50 W vista lato oculare


Il Minox MD50 è un 50mm e il suo oculare fisso è uno zoom con una escursione compresa tra i 16-30X. Tutto il corpo del cannocchiale è impermeabile e rivestito con una gomma molto piacevole al tatto e con un ottima presa. L'anello con la base per il collegamento al cavalletto è ruotabile sull'asse ottico per la ricerca di una migliore posizione di osservazione. L'oculare è protetto con una capsula di metallo che si avvita al corpo cannocchiale per difenderlo da colpi accidentali, La costruzione ottica e l'esigenze di compattezza hanno portato a un progetto dove notiamo che l'oculare è leggermente decentrato dall'asse ottico del cannocchiale. Le lenti del cannocchiale sono trattate con un multi rivestimento brevettato dalla Minox e l'interno dello scafo è riempito con gas di Azoto contro l'appannamento e la formazione di muffe. Il tutto viene riposto in una custodia impermeabile in tessuto sintetico per il trasporto e la conservazione.
Nell'uso con il digiscoping è un poco problematico il collegamento alla macchina fotografica perché l'oculare ha un diametro abbastanza piccolo ma con un adapter universale abbiamo potuto realizzare le immagini dei nostri test. L'ideale sarebbe potersi far costruire un adapter specifico che si avviti al passo della conchiglia proteggi oculare.
Le prove sono state fatte con la nostra fedele Nikon Coolpix 4500. Nonostante la dimensione dell'oculare non abbiamo mai avuto problemi di vignettatura e questo è sintomo di un ottima estrazione pupillare e angolo di campo.

Il fornitore denuncia queste caratteristiche:

Durante le nostre prove abbiamo potuto constatare che l'immagine è buona da 16 fino a 20X poi prende una dominante leggermente gialla e decade un poco ai bordi.
Brillantezza e contrasto sono sorprendentemente eccellenti a 16X e da 24X in poi accettabile. La presenza di un poco di color fringing denuncia le lenti non ED ma per essere lenti normali è davvero poco.
Il campo visivo è sorprendente per uno zoom e la messa a fuoco minima di 5m. lo rende un oggetto molto versatile.
Offre una presa sicura e possiamo osservare fino ad un massimo di 20x anche a mano libera ma l'uso di un cavalletto o almeno un monopiede è consigliato. Abbiamo provato a scattare senza il cavalletto, mossi anche dal fatto che simili oggetti si prestano ad essere usati anche a mano libera o con il più pratico monopiede, ma sconsigliamo l'uso a mano libera a meno di avere una giornata estiva di pieno sole e una sensibilità almeno di 200ISO così da poter usare un tempo superiore a 1/250". Con il monopiede invece si possono raggiungere dei risultati davvero buoni ma non al massimo dello zoom.
particolari
L'oculare Zoom 16-30X

Il Minox MD 50 W il poggia occhio alla minima e massima estensione

Foto realizzata ad una distanza
di circa 15m. e trattata con
Photoshop. Taglio originale.
.
Come abbiamo realizzato le immagini

Il Minox MD 50 W La lente dell'oculare

 


La sensazione di robustezza e precisione è confermata dai fatti.
La messa a fuoco, sul corpo del cannocchiale, ha molta resistenza e, anche dopo alcuni giorni d'uso, non ha accennato ad ammorbidirsi. I primi giorni si è reso necessario un buon cavalletto altrimenti si perdeva la mira del soggetto durante la ricerca della messa a fuoco. La ghiera della messa a fuoco è sul corpo cannocchiale e ha una corsa molto breve di quasi 1/2 giro.
L'oculare non è intercambiabile. La manopola dello zoom ha una buona presa e le tacche del fattore di ingrandimento sono molto ben leggibili. La conchiglia appoggia occhio è gommata e si può estrarre in 4 distinte posizioni.
Le prove sono state eseguite in esterno durante una giornata di sole con il materiale posto ad una distanza di 23 m. in zona parzialmente ombreggiata. Il cannocchiale era collegato con un adattatore universale a una Nikon Coolpix 4500 tarata con una sensibilità di 100 ISO, lo zoom 3x, la messa a fuoco sull'infinito e quindi controllata dal cannocchiale. La scelta di questa ambientazione rappresenta un set di lavoro ideale per il digiscoper sia per la distanza che per la luce. Il terzo scatto è stato realizzato con il soggetto a una distanza di circa 600m diviso da una vallata di prati.

 

Alcune immagini del test

Piume, tabella colori e codice a barre come test.

Dima Focus detedtor

Foto realizzata ad una distanza
di circa 15m. e trattata con
Photoshop. Taglio originale.
.
Come abbiamo realizzato le immagini

Scatto con soggetto a poco meno di 600m

Come abbiamo eseguito le prove

La messa a fuoco si è dimostrata subito affidabile e fluida con un movimento della manopola non troppo lungo e molto preciso. Abbiamo riscontrato però un problema tecnico a fondo scala con un sobbalzo dell'immagine dovuto probabilmente a motivi meccanici. Difetto analogo lo abbiamo riscontrato anche su altri cannocchiali e tutti con la stessa posizione della manopola di messa a fuoco (in alto sui prismi e non sul barilotto). Anche se la cosa non si può dire grave certo non potevamo aspettarcela da un cannocchiale prodotto da questo costruttore.
L'oculare ottimo per il birdwatching si è comportato altrettanto bene con il digiscoping presentando solo nelle alte luci con grande contrasto un leggero fringing blu. Non si sono notate deformazioni ai bordi dell'immagine e la copertura è ottima senza vignettatura (questo con la 4500 a 3x). Abbiamo comunque riscontrato un valore non molto alto della profondità di campo (sempre paragonato ad altri zoom). Nel confronto con la prova con un oculare di focale fissa (il celebre WO DCL-28) abbiamo potuto notare molto chiaramente la differenza, grande pulizia e pochissimo fringing, ... ma questo era scontato.

Le immagini a corredo del servizio confermano la qualità costruttiva e ottica del Ibis 80 con immagini abbastanza contrastate, colori ben identificati e nitidi

 



Caratteristiche

Diametro lente: 50 mm
Ingrandimenti: 16x ~ 30x
Luminosità: 2.8 ~ 9.8
Pupilla di uscita: 3.13 mm ~ 1.67 mm
Estrazione Pupillare: 15 mm ~ 11 mm
Campo Visivo (1000 mt.): 47 m ~ 33 m
Fattore crepuscolare: 28.3 ~ 38.7
Impermeabilità: fino a 5 m
Dimensioni: 213 x 63 x 123 mm
Caratteristiche: Riempito di Azoto, Trattamento lenti M*-multicoating.
Link

Da visitare

Sito della  Minox
Sito dellImportatore Rinowa

Altro

 

 

 

La vostra donazione a sostegno