Il concorso Digiscoper of the Year 2012

 

  DOY 2012

   

Si sono conclusi gli inserimenti di immagini per partecipare al prestigioso concorso internazionale promosso da Swarovski Optic, il DOY 2012, e già possiamo fare alcune semplici considerazioni.

Comparazione 2011 2012

Paesi

Dobbiamo da subito precisare che tutte le nostre valutazioni sono state fatte traendo i dati dalla pagina web non avendo la possibilità di accedere ai data base ufficiali. Anche le pagine sono, comunque, fonte di molti dati assai interessantihttp://digiscoperoftheyear.com/it/home

Anche questo anno la partecipazione è stata numerosa per paesi e iscritti certificando così l’importanza di questa manifestazione che, ancora oggi, è la più prestigiosa, se non l’unica,  nel mondo della fotografia naturalistica con il cannocchiale, il digiscoping. Il numero di immagini, pur nel lieve calo di iscritti, certifica queste considerazioni che non possono prescindere da un'altra considerazione che salta subito all’occhio: la maggiore qualità delle immagini che, questo anno, raggiunge, più che in passato, anche una migliore composizione grafica.

Dal grafico risulta sorprendente come la vittoria di un paese corrisponda ad un aumento di partecipanti per l'anno successivo. Se guardiamo notiamo che tutti i paesi hanno avuto un calo di partecipanti tranne USA e Olanda che furono i vincitori del 2011. Un dato interessantissimo per tutti i direttori di marketing delle aziende e ... pure per Swarovski.

Nelle varie considerazioni riguardo alla organizzazione del sito dobbiamo constatare che la qualità della nuova veste grafica e organizzativa, già vista nel 2011, si conferma abbondantemente.  Avevamo già notato che non tutti avevano capito che nel campo della nazione andava inserita quella personale e non quella del soggetto ripreso così è che anche questo anno alcuni iscritti compaiono in più nazioni con lo stesso nome (in questo caso abbiamo lasciato lo stesso numero di nazioni ma conteggiato una sola volta il nik name così da avere una valutazione più reale per il numero di partecipanti).  Alcuni tra noi si sono lamentati di non poter entrare con il proprio vecchio login e questo potrebbe aver costretto molti  a iscriversi con un nuovo nik name .

Dobbiamo  segnalare un unico piccolo neo, non imputabile all’organizzazione ma solo alla “furbizia” dei concorrenti. La consultazione delle immagini viene infastidita da una visione dettata dalla valutazione del pubblico che spesso non è veritiera perché, si capisce chiaramente, che alcuni hanno dato il compito ad amici e parenti per essere votati e comparire nelle prime pagine. Non si spiega  proprio altrimenti come possa succedere che la prima pagina di 20 immagini sia solo di un concorrente, o quasi, con immagini che non potrebbero entrare nemmeno nelle prime 20 in un concorso parrocchiale.  Soggetti ripresi senza alcuna cura ne tecnica ne grafica oppure, palesemente, in ambienti controllati o di allevamento hanno valutazioni di 4 o 5 stelle!  Nessun giudice del concorso potrebbe cadere in questo tranello, anzi, questa è una mossa controproducente che danneggia il concorrente stesso ma, si sa, tifo e vanità sono sempre stati pessimi consiglieri. Doy 2012

L’anno scorso non era stato chiaro il numero di upload possibili pensando fossero per un massimo di 10 immagini a concorrente. Nel 2012 ogni concorrente non aveva limite di immagini. Il numero di 1399 immagini avrebbe potuto essere più contenuto se ci fosse stato un limite massimo di upload che avrebbe costretto, anche in maniera educativa, a selezionare le proprie immagini senza trasformare il concorso in una copia del proprio HD con la immissione di anche 184 immagini per un unico concorrente, come è successo. Alcuni, non pochi, hanno inserito 30-38 immagini (ed anche di più) e questo non credo proprio sia indice di maturità artistica specie quando si nota che molte sono il prodotto della raffica di un'unica sessione.  I giudici devono valutare il prodotto del tuo estro e non indicarti quale è la migliore delle tue immagini in una sequenza.  Ci sono casi che fanno eccezione ma si notano subito con soggetti assai diversi fra loro e frutto di sessioni disparate. Grande invidia per questi concorrenti che possono dedicare moltissimo tempo dell'anno al digiscoping viaggiando molto. La vincitrice dell'anno scorso ne è un esempio.

In ogni caso si può constatare senza paura di smentite che per moltissime immagini la qualità tecnica abbia raggiunto davvero un ottimo livello con colori,  MaF  e definizione assai alti.  Doy 2012
Nota curiosa e pratica: - Se volete vedere l’immagine alla sua massima dimensione  basta cliccare sulla cornice grigia subito a destra del riquadro della foto di informazione. Questo vi aiuterà a vederla nel migliore dei modi per valutarla con attenzione. Alcune immagini riprese in ambienti nevosi con soggetti mimetizzati hanno un ottima resa dei bianchi e della loro scala di grigi. Altre denunciano chiaramente la accurata scelta del taglio e un gusto personale che deve essere apprezzato e valutato con attenzione. Questo vale solo per alcune immagini visto che, nella maggior parte dei casi, le foto sono con soggetti centrali e, spesso, con parti del loro corpo incomprensibilmente tagliate. 
Un vero peccato che non tutti siano capaci di gestire una buona post produzione che avrebbe salvato diverse foto davvero interessanti e, altrimenti, da primi piazzamenti.

I grafici che seguono sono un ottimo strumento di valutazione di come il concorso e il digiscoping stesso si stiano evolvendo e quale sarà la loro strada nel prossimo futuro.
La prima constatazione più palese è il continuo evolversi della scelta di attrezzatura. Fino a pochi anni fa le ottiche e le macchine erano poche e sempre le stesse. La Nikon CP 4500 era la macchina leader che furoreggiava senza rivali colmando, da sola, il 75% delle presenze. Oggi è quasi scomparsa e l’enorme frazionamento di marchi e modelli ci dice quanto si sia sviluppato il mercato e quanto si sia smaliziato lo stesso digiscoper. Il passaggio a formati maggiori e la ricerca di qualità spinse molti digiscoper già nel 2011 a presentare un buon numero di foto realizzate con le reflex (DSLR), cosa impensabile prima, ed oggi tantissime sono le presenze delle EVIL con un evidente calo delle compatte (PS). I marchi, purtroppo, sono sempre gli stessi con nuove presenze che non riescono comunque a fare percentuali di rilievo. Canon e Nikon la fanno da padroni ma Panasonic e Sony sono in grande espansione, specie nelle EVIL.  Noi avevamo visto bene pronosticando un grande successo di queste macchine nel digiscoping. Proprio con le EVIL , più che con le DSLR, si nota il grande vantaggio raggiunto nella resa delle immagini. Tra le compatte la presenza dei modelli Canon della serie S (90-95-100) è davvero sorprendente. Tra le DSLR Canon e Nikon sono quasi alla pari con alcune nuove presenze di Sony e Pentax. Da segnalare la presenza di un concorrente dotato della Ricoh GXR con il modulo da 50mm montato sul Kowa 884 il quale si presenta con una galleria di immagini di grande interesse tecnico.

Grandissima, come sempre la presenza, dei cannocchiali dello sponsor ufficiale, la Swarovski, ma sempre più minata dalle concorrenti Kowa, Zeiss e Leica. Quest’ultima ha avuto un calo più consistente ma è dovuto sicuramente alla tardiva presentazione dei nuovi modelli. Tra Swarovski e Kowa (quelli più facilmente controllabili) si nota una maggiore predilezione per il diritto con un leggero calo dell’angolato ma .... le sorti si capovolgono completamente tra i partecipanti europei. Tra i concorrenti spagnoli, da sempre i più numerosi e più legati al marchio Zeiss, si nota un considerevole aumento delle presenze di Kowa con una presenza vicina al 50%.

 Per finire un ultima constatazione che vede, come sempre, la maggior parte delle immagini riprodurre uccelli seguite da mammiferi, insetti e pochissimi rettili.  Un altra curiosità di difficile classificazione è l'immagine assai curiosa ed interessante che farebbe introdurre una nuova sezione ... quella dei Pesci!! ?? ... anche se nell'immagine sono riprodotti quei pesci che rappresentano l'anello di evoluzione che portò la vita animale sulla terra ferma.

Pesci!

Ora aspettiamo i risultati del difficile lavoro dei giudici per fare le ultime valutazioni e commenti.

N.B. - Le foto di esempio nell’articolo  sono scelte seguendo il nostro gusto personale e non una nostra classifica ideale.

.

   


Se il nostro sito ti è piaciuto sostienilo con una libera donazione,
ci aiuterai a continuare nel nostro lavoro.

Mini guide

Introduzione ● - Introduzione al digiscoping
Digiscoping con la reflex
● - Il Binocolo breve guida alla scelta.
● -
Il treppiede e la testa  breve guida
alla scelta.

● - Chiarimenti e semplici indicazioni

una mini guida
● - Tre oculari ed un cannocchiale  un mini test o un gioco?
● - Digiscoping in notturna  Le esperienze e i consigli di un nostro amico.
● - Oculari - e non solo  
Un tentativo di semplificare la scelta e la conoscenza dei dati per conoscere il miglior oculare  da abbinare alla macchina fotografica e al suo obiettivo

Da ricordare