Test - Canon PowerShot S95

 

 

Canon PowerShot S95 Canon PowerShot S95 Lato prese
Canon S95 Frontale Canon S95 prese
Canon PowerShot S95 Sopra Canon PowerShot S95 proporzioni con un cellulare
Canon S95 Sopra Canon PowerShot S95  proporzioni con un cellulare
Canon PowerShot S95  nei cerchi bianchi i due microfoni per la registrazione stereo Canon PowerShot S95
Con il nuovo Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar
Canon PowerShot S95 microfoni Canon PowerShot S95 Con il nuovo Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar
Canon PowerShot S95
Con lo Swarovski ATM 80 HD
Canon PowerShot S95
Con il Nikon Fieldscope 65 EDG
Canon PowerShot S95 Con lo Swarovski ATM 80 HD Canon PowerShot S95 Con il Nikon Fieldscope 65 EDG


   
Ecco che dopo poco dall'uscita della S90, già oggetto di una nostra approfondita prova, esce un aggiornamento importante che ci offre ancora altri piccoli ma utilissimi vantaggi. Canon è un azienda sempre molto in evoluzione e se intuisce che un modello è particolarmente riuscito e accoglie i favori del pubblico lo aggiorna ed evolve secondo piani di sviluppo interni ma ascoltando anche le osservazioni degli utilizzatori. Chiaro che molte osservazioni vengono dal mondo dell'utilizzatore generico ma, forse involontariamente, vanno a favorire anche quello dei digiscoper. Nella tabella che segue alcune comparazioni tra i due modelli.

S90 e S95 cosa è cambiato                              Note        

* i cambiamenti S90 S95  
Sensore CCD -10 megapixel da 1/1.7” (7.60 x 5.70 mm, 0.43 cm²) CCD - 10 megapixel da 1/1.7” (7.60 x 5.70 mm, 0.43 cm²) Non grandissimo ma più grande della media con un numero di pixel ottimale.
Dimensione immagini 4:3 (3648 x 2736 (10M))
3:2 (3648 x 2432 (8.8M))
16:9 (3648 x 2048 (7.4M))
1:1 (2736 x 2736 (7.5M))
4:5 (2192 x 2736 (6M))
4:3 (3648 x 2736 (10M))
3:2 (3648 x 2432 (8.8M))
16:9 (3648 x 2048 (7.4M))
1:1 (2736 x 2736 (7.5M))
4:5 (2192 x 2736 (6M))
 
Sensibilità da 80  a 3200  con 15 valori intermedi da 80  a 3200  con 15 valori intermedi Ottima scelta da 100 fino a 800ISO
Formati JPG RAW JPG RAW Ottima la scelta del RAW
Processore DIGIC 4 con tecnologia iSAPS DIGIC 4 con tecnologia iSAPS Ultima generazione
Obiettivo 6 - 22,5 mm (28-105 mm) (3,8x)  f/2.0-4.9 stabilizzato 6 - 22,5 mm (28-105 mm) (3,8x)  f/2.0-4.9 stabilizzato ottimo all'80%  delle sue estensioni nell'uso in digiscoping.
Molto luminoso
Schema 7 elementi in 6 gruppi 7 elementi in 6 gruppi 2 elementi fronte/retro asferici, compreso 1 elemento UA
LCD PureColor II da 3” con 461.000 pixel. PureColor II da 3” con 461.000 pixel. Chiaro e leggibile con ogni fonte di luce alle spalle
Esposizione Valutativa (collegata al riquadro AF Face Detection), media pesata al centro e spot.  Blocco AE Valutativa (collegata al riquadro AF Face Detection), media pesata al centro e spot.  Blocco AE noi abbiamo usato la media pesata e la spot con risultati molto buoni
Compensazione +/- 2 EV in incrementi di 1/3 stop +/- 2 EV in incrementi di 1/3 stop  
Controllo del bianco 7 possibilità e una personalizzata 7 possibilità e una personalizzata Buono ma con riserva per il digiscoping. leggete l'articolo
Controllo manuale  totale o con priorità di diaframmi o di tempi  totale o con priorità di diaframmi o di tempi Perfetto e funzionale per il digiscoping
Modalità AF Singolo, continuo, Servo AF/AE con blocco e manuale Singolo, continuo, Servo AF/AE con blocco e manuale Singolo è perfetto per noi ma poco sensibile con oculari troppo bui.
Scatto continuo Circa 0,9 scatti/sec., AF: circa 0,6 scatti/sec., LV fino a riempimento scheda di memoria Circa 0,7 scatti/sec., AF: circa 0,7 scatti/sec., LV fino a riempimento scheda di memoria Ottimo e buono in RAW
Autoscatto Non è dotata di sensore per autoscatto radio o ottico Non è dotata di sensore per autoscatto radio o ottico Siamo costretti a costruirci un braccio per collegare uno scatto flessibile.
Sistema anti-rumore Doppio sistema anti-rumore DIGIC 4 di Canon Doppio sistema anti-rumore DIGIC 4 di Canon Funzionale a alte sensibilità ma da usare in casi estremi
Filmati * 640 x 480, 30 fps
320 x 240, 30 fps
1280 x 720, 24 fps
640 x 480, 30 fps
320 x 240, 30 fps
Fino a 4 GB o 1 ora
Formato schede SD, SDHC, MMC, MMCplus, HC MMCplus. SD, SDHC, MMC, MMCplus, HC MMCplus. Noi abbiamo lavorato con una scheda Lexar Premium 4Gb SDHC 60x
Prese In: CA (con adattatore CA ACK-DC40).
Out: USB 2.0 - HDMI
In: CA (con adattatore CA ACK-DC40).
Out: USB 2.0 - HDMI
La presa di alimentazione esterna ci da maggiori possibilità di lavoro
Batteria agli ioni di litio NB-6L
3,7v a 1000mAh
agli ioni di litio NB-6L
3,7v a 1000mAh
Ottima durata anche in climi invernali
Filettatura porta filtri Nessuna filettatura ne per filtri ne per aggiuntivi ottici. Nessuna filettatura ne per filtri ne per aggiuntivi ottici. Questo è il punto dolente di tutta la macchina che ci ha costretti a soluzioni originali.
Dimensioni * 100x58,4x30,9 mm 99,8x58,4x29,5 mm Ancora più compatte e maneggevole
Peso * con batt. 195 g 193 g Veramente un peso piuma.
Caratteristiche perticolari un anello con funzioni programmate di controllo sull'obiettivo un anello con funzioni programmate di controllo sull'obiettivo Altro punto dolente ma risolto con poche soluzioni di semplice realizzazione
  Ingrandimento dell'area centrale della MF Ingrandimento dell'area centrale della MF Ottima e rapida nell'uso
  Passo a vite per il cavalletto allineato all'asse ottico Passo a vite per il cavalletto allineato all'asse ottico Praticissima e corretta soluzione.
       

    Come possimo vedere le differenze sono davvero poche e si concentrano sull'aggiunta del formato HD del video (cosa importante a livello commerciale), la presenza dei microfoni stereo e le dimensioni esterne che variano di pochissimi millimetri. Pur essendo di pochissimo più grande è più leggera perché all'alluminio è stato sostituito il magnesio che assicura una maggiore robustezza. Esternamente possiamo anche notare una diversa verniciatura a tutto vantaggio della presa, lo sportello delle prese è diventato uno singolo e, ai lati del corpo macchina, ci sono due fessure per poter agganciare una cinghia a tracolla. Se guardiamo bene noteremo anche altri cambiamenti come il diverso disegno della ghiera funzioni che ora ha uno scatto molto più deciso e sicuro ed una migliore presa con un nuovo disegno della parte zigrinata. Altro particolare, importantissimo, è la migliorata qualità del meccanismo della ghiera intorno al joystick delle funzioni. Ora è molto più sicura e previene l'attivazione accidentale. Questo è un ottimo intervento non solo di design ma anche meccanico.confronto s95 e s90

Possiamo notare anche l'assenza del rigonfiamento tra le due ghiere delle funzioni.
Anche sul lato superiore ci sono dei piccoli cambiamenti con la posizione del comando di accensione, ora, vicino alla ghiera funzioni. L'aver assottigliato leggermente il corpo ha costretto a una nuova grafica per la descrizione dei comandi.
La parte anteriore è identica alla S90 tranne che per i due microfoni posizionati ad una buona distanza tra loro.
La parte inferiore sembra identica ma, forse per via delle ridotte dimensioni dello spessore del corpo  macchina, il passo a vite del cavalletto non è nella stessa posizione e l'adapter costruito per la S90 ha bisogno di una piccolissima correzione. Chi si è costruito l'adapter da solo noterà pure che bisogna ottimizzare la resa tra ottica e oculare accorciando di pochi millimetri la profondità dell'adapter.
Per quanto riguarda tutti gli altri accorgimenti di collegamento non ci sono altre differenze da indicare.
Altri aggiornamenti sono stati fatti nelle funzioni interne e nel menu  In modalità SNC (Modalità Scena speciale) sono stai aggiunti nuovi comandi scena ma hanno poca utilizzazione nel digiscoping.
Un altro comando interessante, ma da usare con cautela in digiscoping, è l'AF Tracking che automatizza la messa a fuoco con la macchina che segue l'oggetto autonomamente.

Nel complesso dobbiamo considerare che i miglioramenti ci sono e le soluzioni scelte dalla Canon sono a tutto vantaggio dell'utente che, cosa non da trascurare, si trova con un oggetto ottimizzato ma ad un prezzo inferiore a quello proposto inizialmente dalla S90.

Sul campo, in digiscoping, la S95 si presenta con dei miglioramenti assai più interessanti.

  • La prima cosa che ci ha colpito è stato il miglioramento della velocità di scatto che già con la S90 ci aveva ben impressionato. Può sembrare poca la differenza sulla carta ma al lato pratico si nota ed è di grande aiuto (circa 1,9 scatti al secondo contro 0,9 fps per la S90). nel digiscoping è importante soprattutto se consideriamo che è stato velocizzato anche il sistema di messa a fuoco.

  • L'ottimo e robusto LCD e il pratico e intuitivo menu sono rimasti a confermare che più di così non si poteva fare, almeno con la tecnologia odierna. La cosa che ci dispiace e che ci auguravamo di poter trovare è la possibilità di posizionare a nostro piacimento, come nella D-Lux4, l'area di messa a fuoco ed esposizione. Per il consumatore generico c'è il nuovo sistema Tracking ma nel nostro utilizzo non è sufficiente ne pratico.

  • Provando con il digiscoping abbiamo potuto notare che, non alla massima estensione dello zoom, funziona abbastanza bene anche il sistema di stabilizzazione delle immagini, Hybrid Image Stabilization, permettendoci di lavorare anche con solo il monopiede a tempi relativamente corti (1/125)

  • Migliorato e potenziato il controllo del bilanciamento dei bianchi che nella S90 ci aveva dato qualche problema ma dobbiamo dire, per precisazione, che la s90 la avevamo provata in autunno. Di certo ora è molto affidabile e ha delle opzioni che, con l'uso, possono tornare utilissime.

  • Un discorso a parte va fatto sulla resa delle immagini. Sembrerebbe che il sensore debba essere lo stesso della S90 ma noi non ci crediamo assolutamente. Molto si può fare con la ottimizzazione del processore interno e del suo firmware ma .. non così tanto. Sul Web molto si è parlato e molto è stato scritto ma a noi sembra che, con il nostro sistema che è assai critico, i miglioramenti sono stati davvero sensibili. Le immagini ci sembrano con colore sempre fedele e con una buona profondità, più definite, con un ottimo controllo delle zone d'ombra e con un rumore assai ridotto.. Su questo ultimo punto bisogna precisare che la Canon stessa aveva rilasciato un comunicato che accennava a questo miglioramento ma i vari utenti e tester in rete non lo avevano notato. Noi siamo convinti che il lavoro fatto è talmente visibile da ipotizzare addirittura un intervento sulle caratteristiche del sensore. lo diciamo perché ci siamo "impegnati" a mettere in crisi la macchina in molte situazioni e ne è uscita sempre con risultati entusiasmanti. La resa ottima sulla riduzione del rumore è talmente palese che non ci siamo mai spinti a meno di 160ISO considerando i 200ISO e i 250ISO come sensibilità "normale". Questo sia con i JPG come con i già ottimi Raw.

  • Il nostro interesse per le riprese in videoscoping è abbastanza recente e non abbiamo molta esperienza ma già con diverse fotocamere ci siamo cimentati per poter iniziare da oggi a dare qualche commento.
    Sembra che tutte le fotocamere di oggi debbano avere il video HD e questo costringe molti produttori a soluzioni affrettate. Canon ha preferito dare una buona qualità con ottimi colori ed una buona definizione lasciando qualche accorgimento più sofisticato ad un altro momento o ad un altro modello (G12). La cosa che bisogna notare è la scelta del doppio microfono stereo separato (5cm. tra loro, con l'ottica che li separa). Questa scelta è ottimale per la resa del suono che è naturale e con una sensazione di spazio chiara e definita. Manca, invece, la possibilità di un radio comando per eliminare il micromosso all'avvio e al termine della ripresa che devono essere azionati dal pulsante di scatto. La scelta di usare lo stesso pulsante dello scatto fotografico non è dovuta alla compattezza della macchina, sul dorso ci sarebbe stato lo spazio sufficiente. Molte compatte hanno un pulsante specifico libero dalle impostazioni di ripresa ma viene posto quasi sempre sul dorso della macchina. Questa posizione, nel videoscoping, non è assolutamente vantaggiosa, anzi, offrendo e causando sempre del micromosso ad ogni pressione. Migliore è la posizione della S90 o della Sony Nex anche se è comunque meglio poter avere un radio comando.
    Da notare che, con le riprese video, la durata della batteria subisce un calo vistoso e ci costringe ad una scorta di almeno una o due batterie per la giornata di riprese.

DXoNota. - A sostegno della mia tesi scopro ora che il sito francese che sottopone a test le varie macchine in commercio e soprattutto i sensori ha analizzato sia la S90 come la S95 riportando valori leggermente diversi tra loro. Quindi, a parità di processore e ottica è il sensore che ha avuto delle piccole migliorie.

Il nostro entusiasmo per la S90 viene confermato ed aumenta con la S95 che è una delle macchine al top per il digiscoping. Se per un utente generico il salto di qualità può essere poco per il digiscoper è tutta un altra storia e pone la S95 come una vera evoluzione con vantaggi molto evidenti. Speriamo di poterla avere per quando avremo anche la Olympus XZ-1 che gli contende il primato per l'ottica luminosa.

Il test continua.

 

 

 

La tabella che segue sintetizza la resa della copertura con vari cannocchiali dotati di un oculare 30x. Con alcuni a 105mm si inizia a vedere la vignettatura ma è appena accennato. Variando la distanza tra le lenti dell'obiettivo ed oculare si riesce quasi sempre a fare una correzione ottimale.

Canon S95 con i cannocchiali. Step di zoom della macchina
6,0mm 6,9mm 7,5mm 8,6mm 9,6mm 10,7mm 12,9mm 15mm 18,2mm 22,5mm
Modello cannocchiale Oculare 28mm 32mm 35mm 40mm 45mm 50mm 60mm 70mm 85mm 105mm
Kowa 664 14WD     1050mm f/3,3 - 3150mm f/10,1
Kowa 774 17W         1200mm f/3,4 - 3150mm f/8,8
Kowa 884 17W         1050mm f/2,6 - 3150mm f/7,7
Nikon ED III 30xWFA     1050mm f/3,8 - 3150mm f/11,3
Nikon EDG 65 FEP38     1050mm f/3,5 - 3150mm f/10,4
Nikon ED82 30xWFA     1330mm f/3,5 - 3990mm f/10,4
Nikon EDG 85 FEP38     1330mm f/3,4 - 3990mm f/10,1
Swarovski STM65HD 30xSW     1330mm f/3,5 - 3990mm f/10,4
Swarovski STM80HD 30xSW     1050mm f/3,0 - 3150mm f/8,8

Ecco alcune immagini realizzate con la Canon S95 ed alcuni cannocchiali.

Pettirosso - Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar  Picchio Muratore - Swarovski ATM 80HD 
Pettirosso Picchio Muratore Swarovski ATM 80HD
Picchio Muratore - Nikon Fieldscope 65 EDG Sgarza ciuffetto - Kowa TSN 883 Prominar
Picchio Muratore Nikon Fieldscope 65 EDG  Sgarza ciuffetto - Kowa TSN 883 Prominar 
Falco di palude Kowa TSN 883 Prominar  Folaga -  Nikon Fieldscope 85 EDG
Falco di palude Kowa TSN 883 Prominar  Folaga -  Nikon Fieldscope 85 EDG 
Falco di palude Kowa TSN 883 Prominar   Ghiandaia - Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar  
Falco di palude Kowa TSN 883 Prominar       Ghiandaia - Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar   


 un breve filmato realizzato con il nuovo Kowa Telephoto Lens/Scope Prominar e lo zoom 20-60x a 30x

 




Se il nostro sito ti è piaciuto sostienilo con una libera donazione,
ci aiuterai a continuare nel nostro lavoro.

Mini guide

Introduzione ● - Introduzione al digiscoping
Digiscoping con la reflex
● - Il Binocolo breve guida alla scelta.
● -
Il treppiede e la testa  breve guida
alla scelta.

● - Chiarimenti e semplici indicazioni

una mini guida
● - Tre oculari ed un cannocchiale  un mini test o un gioco?
● - Digiscoping in notturna  Le esperienze e i consigli di un nostro amico.
● - Oculari - e non solo  
Un tentativo di semplificare la scelta e la conoscenza dei dati per conoscere il miglior oculare  da abbinare alla macchina fotografica e al suo obiettivo

Da ricordare